domenica 4 dicembre 2016

" Credetemi... "

...avrei voluto evitare di scrivere, mi sarei preso una bella pausa di riflessione dal blog (...e lo faccio spesso, purtroppo, oramai...) onde evitare di lasciarmi smuovere da questa ennesima scossa emozionale... ; ...ma proprio non ci riesco, penso a "...quanto è costata questa Costituzione che ora viene infangata." (don Andrea Gallo)

Certo, provano a cambiare oltre un terzo degli articoli della Costituzione con espedienti antidemocratici.
In un parlamento di incostituzionalmente eletti ratificano di disincentivare la partecipazione popolare, abolire il diritto al voto per il Senato e regalare 95 immunità a dei titolari di doppi incarichi politici.
Evitano di abbattere o ridurre seriamente i costi della politica, semplificare i procedimenti parlamentari e superare il bicameralismo.
Rischiano, infine, di farci incappare in pericolose derive autoritarie, con sempre più potere in mano a pochi.

No, meglio di no!

La Costituzione stabilisce l'assetto ordinario, la norma fondativa, carta dei valori di regole per tutti e diritti d'ognuno; credete la si rispetti abbastanza? Applicarla, altro che cambiarla!

Votare con referendum senza quorum, anche in pochissimi a decidere... :( ...per parte di quella che invece fu approvata , quasi 70 anni or sono, dal 90% dei costituenti...!!!

Illustri "mammasantissima", pure nostrani, si son schierati a sostegno di un imprescindibile cambiamento al quale, incaprettando parole ed immobilizzando concetti come lavoro... futuro... austerity... giovani... scuola... precari..., risulta impossibile allontanarsi.
Beh, provate a chiedervi: di chi leggete, di chi udite, di chi parlate???
Scoprirete che per la maggioranza di lor signori la politica per professione è pane quotidiano, quindi rispondendo al loro grido di cambiamento dovrebbero per primi allontanarsi correndo; per come trattano di lavoro, futuro, austerity, giovani, scuola, precari... :(

Cerchiamo di esserci, ricordiamoci di chi preferiva invitare alla non partecipazione (...referendum trivelle...), portiamo lo sguardo altrove, dentro di noi... diAMOci da fare, partecipiAMO:

" Mi hanno detto che da una pianta secca può nascere un frutto.
E io ci credo.
Mi hanno detto che da una terra arida può nascere un fiore.
E io ci credo.
Mi hanno detto che da una stanza buia senza finestre può filtrare un raggio di sole.
E io ci credo.

Mi hanno detto che il mondo sta morendo per mancanza d'amore.
E io NOn ci credo! "

martedì 8 novembre 2016

" ...INSIEME è POSSIBILE!? "

Seguitemi, con un po' d'impegno potremmo riuscire a far bene anche nell'ambiente più importante per la crescita del nostro futuro, dei nostri figli, delle nostre speranze: la scuola!

(*) Finalmente la possibilità di decidere da chi e come farci rappresentare in Consiglio d'Istituto, qui a Bellizzi: domenica 13 (h.8-12) e lunedì 14 (h.8-13,30) presso l'elementare "Rodari" in piazza Totò.

(**) Ogni anno la scarsa partecipazione dei genitori ha concesso ai soliti noti di entrare a far parte di un organo che collegialmente influenza la vita socioculturale della nostra cittadina.

L'idea che l'Istituto Comprensivo Statale, ben 7 plessi tra infanzia, primaria e media, possa avere una solida rappresentanza anche territoriale (...cosa per me naturale e scontata, anche per semplici ragioni logistiche...) è finalmente condivisa da un bel gruppo di persone che, me compreso, si candida con la lista n.2 "LA SCUOLA CHE VORREI...".

Un occhio attento alla partecipazione diretta di tutti i cittadini direttamente coinvolti nei vari plessi, un'attenzione maniacale per la sicurezza interna ed esterna, il rispetto delle norme che disciplinano lo svolgimento del percorso didattico e la sincera collaborazione tra enti preposti all'educazione scolastica.

Che cosa potremmo desiderare di più?

Scuole aperte il più possibile, anche fino a tarda sera (...esempi da altri sistemi scolastici esteri, proprio in questi giorni anche da noi i primi passi...), più info rispetto ai fondi che singolarmente potremmo destinare alla nostra scuola, maggiore impegno ecologico (...trasporti, verde urbano, riciclo...), nuove tecnologie, musica, libri, arte... e tante altre buone proposte da parte di tutti!!!

NON DIMENTICATE: CONDIVIDETE e PARTECIPATE!!!

N.B.: votano entrambi i genitori, una sola volta anche con più figli ed in plessi diversi.
(*): Non è mai successo che le liste fossero due, ultimamente la lista da eleggere era, addirittura, rappresentativa del governo di paese... :(
(**): La mobilitazione che, in primis dal plesso di Torre Lama a Bivio Pratole, ha smosso un po' gli animi già tre anni or sono, ha dato i suoi frutti (l'interesse sempre più crescente)... ora ci toccherà passare a raccoglierli per poi rifocillarci... ;)



mercoledì 19 ottobre 2016

" IO DICO NO "

L'idea è quella di informare, a modo nostro: confrontandoci, incontrandoci e dibattendo.
Questo voto referendario ci spinge a motivare, fatti alla mano, tutte le ragioni che ci spingono a lottare per il NO!

Proviamo a sentire con la forza di Piero RICCA, la ragione di Ugo GRASSI e l'attivismo dei nostri portavoce nelle istituzioni: Andrea CIOFFI, Sergio PUGLIA, Angelo TOFALO, Vincenzo VIGLIONE e Michele CAMMARANO.

Non mancate, invitate e... Votate!!!
N.B.: ...il giro informativo dell'instancabile giornalista Piero RICCA toccherà anche Agropoli (sabato 22 ore 18), Campagna (domenica 23 ore 10e30), Pontecagnano Faiano (domenica 23 ore 15) e Salerno... con una passeggiata serale sul corso... mi raccomando!!! ;-)

giovedì 13 ottobre 2016

" ...lo faremo Noi!!! "

" C’era una piazza come questa e tanta gente felice come voi.
Pensavamo di rovesciare tutto e... non ci siamo riusciti.
Fatelo voi per favore, non mollate per favore. Ribaltate tutto! "



domenica 9 ottobre 2016

" ...chiederei troppo? "

Quando immagino un corretto modo di fare Politica, di far crescere il territorio, di indirizzare, di determinare le consuetudini locali... penso spesso a personaggi come Marco Paolini.
Regista ed attore teatrale che spiega, ricorda, denuncia e commuove, ad esempio, con la tragedia civile contemporanea dei duemila morti del Vajont.

Sì, fare Politica è questo, è darsi per gli altri... e spesso non costerebbe parecchio, basterebbe ricoprire un ruolo Culturale che, purtroppo, si è completamente smarrito! :(

Buona visione: