domenica 19 aprile 2015

" Salem... scusa! "

...nella sua tasca, quella di un ventenne arrivato cadavere in Italia, dal mare...


" Voglio che tu mi ricordi,
non mi dimenticare... amor mio...
voglio che tu non ti dimentichi di Salem,
amore... ti amo... "

giovedì 19 marzo 2015

" ...a me, a mio padre, a nonno Peppe, a Peppino, a Pinuccio ed anche a Beppe! "


" Ci impegniamo!

Noi e non gli altri,
unicamente noi e non gli altri,
né chi sta in alto, né che sta in basso,
né chi crede, né chi non crede.

Ci impegniamo:
senza pretendere che gli altri si impegnino per noi,
senza giudicare chi non si impegna,
senza accusare chi non si impegna,
senza condannare chi non si impegna,
senza cercare perché non si impegna.

Se qualche cosa sentiamo di potere,
e lo vogliamo fermamente,
è su di noi, soltanto su di noi.

Il mondo si muove
se noi ci muoviamo,
si muta se noi ci facciamo nuovi,
ma imbarbarisce
se scateniamo la belva
che c'è in ognuno di noi.

Ci impegniamo:
per trovare un senso alla vita!
A questa vita una ragione,
che non sia una delle tante ragioni
che bene conosciamo...
e che non ci prendono il cuore.

Ci impegniamo!

Non per riordinare il mondo,
non per rifarlo...
ma per amarlo. "

venerdì 13 marzo 2015

" ...una insegnante canadese... "


" Cari studenti delle superiori del ventunesimo secolo,
la settimana prossima comincerà un nuovo semestre e mi sento costretta a chiedervi scusa. Nonostante tutti i nostri sforzi, noi insegnanti non siamo riusciti a persuadere quelli che hanno il potere politico a cambiare il nostro sistema educativo. A quanto sembra, non siamo capaci di convincere il nostro premier che investire sulla vostra istruzione andrebbe a vantaggio di tutti noi e non inquinerebbe né l’acqua né l’aria.

Perciò, finché i vostri bisogni educativi non prevarranno su quelli delle multinazionali straniere, vi prego di accettare le mie scuse.

Mi dispiace che dobbiate venire a scuola così presto la mattina, anche se varie ricerche nel campo delle neuroscienze hanno appurato che il cervello degli adolescenti non funziona in modo ottimale prima delle dieci.

Mi dispiace che dobbiate chiedermi il permesso di uscire dalla classe per andare a fare pipì anche se avete già la patente, un lavoro part-time e state prendendo decisioni importanti per il vostro futuro dopo la scuola.

Mi dispiace che ogni giorno siate costretti a stare seduti per sei ore anche se molti studi hanno dimostrato che stare seduti troppo a lungo danneggia sia le capacità cognitive sia la salute.

Mi dispiace che siate divisi per età e costretti a procedere attraverso il sistema scolastico con i vostri coetanei come se l’età anagrafica avesse qualcosa a che vedere con l’intelletto, la maturità, le competenze o l’abilità.

Mi dispiace che quelli di voi che incontrano difficoltà a scuola non ricevano il giusto sostegno perché finanziare i vostri bisogni non è tra le priorità dell’attuale politica economica.

Mi dispiace che dobbiate studiare materie che non vi interessano in un’epoca in cui la somma totale delle conoscenze umane raddoppia ogni dodici mesi.

Mi dispiace che vi facciano credere che per ottenere il massimo dei voti dovete competere tra voi, quando i progressi umani sono sempre stati frutto di una collaborazione che spesso a scuola viene considerata “imbrogliare”.

Mi dispiace che siate costretti a usare dei libri di testo che contengono informazioni superate e troviate a scuola tecnologie obsolete della cui manutenzione nessuno si occupa.

Mi dispiace che quello che chiamano insegnamento personalizzato in realtà non lo sia affatto. L’insegnamento veramente personalizzato costa troppo, lo capite?

Mi dispiace che sia improbabile che la Strategia innovativa, la riforma scolastica della British Columbia tanto strombazzata dal governo attuale, produca cambiamenti significativi a parte un nuovo modo per calcolare quello che si fa a scuola.

Ma, soprattutto, mi dispiace che il sistema educativo vi costringa a far parte di un’economia estrattiva quando il nostro ambiente, senza il quale non ci sarebbe nessuna economia, sta subendo una crisi climatica che ci imporrà una rapida riconfigurazione di tutto quello che stiamo facendo in campo sociale, politico ed economico, e per la quale siamo del tutto impreparati.

Mi dispiace moltissimo.

Vorrei che la vostra curiosità non fosse soffocata dal conformismo scolastico.

Vorrei avere una bacchetta magica per darvi il tipo di scuola in cui ci sono spazi per analizzare ed esplorare, sperimentare e apprendere in modo diverso.

Vorrei avere il potere di riaccendere la passione e il desiderio di imparare che leggo nei vostri occhi prima che entriate a scuola.

Vorrei potervi aiutare a ricordare che prima di essere studenti eravate scienziati che sperimentavano, scoprivano, si ponevano domande e facevano collegamenti.

Eravate anche poeti… vi ricordate quanto divertiva e sorprendeva gli adulti intorno a voi il modo in cui descrivevate le cose?

Siete nati per imparare. Non potete non imparare.

Mi dispiace che vi facciano credere che l’unico apprendimento che conta sia quello che avviene a scuola. Anzi, poi, solo quello che avviene in classe. E nemmeno conta tutto quello che si impara in classe: alla fine conta solo quello che troverete nei test.

Vorrei potervi portare in altri posti dove il sistema educativo pubblico è una priorità di politici convinti che la futura società del loro paese dipenderà dalle caratteristiche del sistema educativo.

In un’epoca in cui la nostra vita dipende dall’ingegnosità nel risolvere i problemi più difficili, sprechiamo le potenzialità che ha la nostra mente di trovare soluzioni creative. L’adolescenza è il periodo in cui gli esseri umani raggiungono il culmine del loro sviluppo cognitivo. Le prove della vostra capacità di pensare “fuori degli schemi” e di trovare soluzioni creative sono ovunque intorno a noi.

Vorrei poter mostrare alle autorità ciò che dovrebbero vedere per rendersi conto di quello che siete capaci di fare, se solo ve ne dessero la possibilità.

Se solo…

Con sincero affetto.

Un’insegnante "

...dal blog di Lizanne Foster (l'insegnante), che dopo aver scritto ai suoi studenti canadesi, scrive pure ai tanti che dall'Italia la hanno contattata:

" Cari studenti italiani,
i vostri messaggi sono stati strazianti e commoventi. Riceverli mi ha scaldato il cuore, ma ho sofferto nel leggere le vostre frustrazioni. Ho pensato di dirvi qualcosa di più su di me per farvi capire che anche a voi andrà tutto bene.

Sono stata educata negli anni settanta in Sudafrica, durante il periodo dell’apartheid. Ero considerata una cittadina di seconda classe, indegna dei soldi che lo stato spendeva per l’istruzione dei sudafricani bianchi. Sapevo che dopo la laurea ci sarebbero stati dei lavori ai quali non avrei potuto aspirare per via del colore della mia pelle.

Ma sono sopravvissuta lo stesso. Ho avuto la fortuna di crescere in una casa piena di libri. Quando ci comportavamo bene, mio padre ci premiava regalandoci libri e fumetti che venivano dal Regno Unito. Leggevo continuamente e questo mi aiutava a rifugiarmi nei luoghi più felici della mia mente.

Ho imparato il gioco della scuola, a fare quello che era necessario per tirare avanti. Uno dei “vantaggi” di essere vissuta sotto l’apartheid è stato che sono nata per resistere. Sapevo che quello che mi diceva il governo non era vero, perciò ho imparato a leggere il mondo diversamente, tra le righe e fuori delle righe.

Quando indossavo l’uniforme della scuola, ero una studentessa che stava perfettamente al gioco, quando me la toglievo, ero solo me stessa e imparavo quello che volevo.

Sono diventata insegnante per caso. Era l’ultima cosa che volevo fare, perché a scuola avevo vissuto tante esperienze orribili. I professori ci picchiavano e ci punivano ingiustamente.

Ma quella di insegnante era una delle poche carriere alle quali lo stato consentiva di accedere a chi aveva la pelle del mio colore. E così per venticinque anni ho cercato, prima in Sudafrica e poi qui in Canada, di essere il tipo di insegnante che mi sarebbe piaciuto avere quando ero una studentessa.

Mi dispiace che anche voi stiate vivendo la stessa esperienza degli studenti canadesi e americani perché i politici tagliano i fondi alle scuole pubbliche e incoraggiano la privatizzazione dell’istruzione.

Sappiate che non siete soli in questa lotta.

Sappiate che anche voi ce la farete.

Vi do qualche consiglio per riuscirci meglio.

Accumulate esperienze che vi permettano di uscire dalla vostra zona di sicurezza. Che cosa succede al vostro cervello e al vostro corpo quando passate un’ora in un bosco o sulla riva di un fiume a guardare semplicemente l’acqua che scorre?

Cercate di stare con chi condivide i vostri interessi e le vostre preoccupazioni. La vostra “tribù” è lì fuori che vi aspetta. Unitevi a persone che fanno arte, fanno musica o fanno la differenza in altri modi.

Esprimete quello che avete imparato, quello che avete visto e notato. Disegnate. Cantate. Ballate.

Voi siete importanti. C’è un motivo per cui siete qui. Il mondo aspetta il risveglio della vostra passione e della vostra creatività.

Namaste,

Lizanne "


# l a b u o n a s c u o l a  # b o c c i a r e n z i  :(

mercoledì 25 febbraio 2015

" ...a che punto siamo??? "

Carissima amministrazione comunale,
a nove mesi esatti dalle elezioni che Vi videro trionfatori, riteniamo opportuno sottolineare alcune problematicità nella Vostra gestione della cosa pubblica, secondo noi, ancora irrisolte.

In primis, cosa che resta particolarmente a cuore nella nostra idea di politica partecipata e condivisa, la dolente nota del sito web comunale: non aggiornato ed ancora difficilmente consultabile.
Abbiamo inoltrato, in data 7/02/2015, segnalazioni ed un quesito all'ANAC (Autorità Nazionale AntiCorruzione e per la valutazione e la trasparenza delle amministrazioni pubbliche) in merito alla mancanza in rete di: trasparenza nell'esercizio del diritto di richiesta di accesso civico e relativi obiettivi, retribuzioni degli amministratori e correttezza dell'impiego, a tempo determinato, del consigliere eletto, poi dimissionario, nel ruolo di capo ufficio tecnico della sua stessa (ex?) maggioranza.

Inoltre, basandoci sul vostro programma, riscontriamo perplessità su tutti i punti: riduzione delle tasse, crescita ed investimenti, riorganizzazione macchina comunale, area ex-consorzio agrario, sport e tempo libero, cultura e movimenti associativi, riorganizzazione dei servizi, ecologia, viabilità e grandi opere.
Riduzione delle tasse – ...quali e, soprattutto, quanta la riduzione? Quella del servizio idrico, come riconosciuto dal sindaco, è aumentata! I bilanci comunali, finalmente resi pubblici, non lasciano ben sperare... avreste dovuto rimirarli prima delle facili promesse!!!
Crescita ed investimenti - ...tanta carne a cuocere nei vostri 6 punti, soprattutto quello alla lettera f) “...verranno messi a disposizione € 500.000 come fondo di garanzia esclusiva per artigiani e microimprese, per accedere in convenzione a crediti bancari da € 30.000 a € 50.000 in 5 anni, in modo di accompagnare attività in crisi.”. Quando???
Possiamo consigliarvi il fondo nazionale del M5S, quello ottenuto dai nostri parlamentari pentastellati auto-decurtandosi il loro stipendio???
Riorganizzazione macchina comunale - ...avete solo iniziato, oseremmo dire benone, con l'incarico all'ex compagno di partito, lista civica ed amministrazione!!! Possiamo sempre ricordarvi di selezioni a concorso, evitando affidamenti diretti?
Area ex-consorzio agrario - ...a che punto siamo con il risanamento, la riqualificazione, il referendum consultivo e... la ripresa (???) dei lavori del progetto esecutivo, con finanziamento ancora attivo, del teatro-museo virtuale-sala polivalente??? Cioè, per capirci: risaniamo, riqualifichiamo, consultiamo e poi... facciamo come avevamo deciso prima!!!???
Voce al popolo, scelte condivise con la cittadinanza!
Sport e tempo libero - ...campo sportivo, pista podistica, campetti per basket e pallavolo... e (!!!) “mercato solidale” dei prodotti coltivati negli orti urbani, oltre all'associazione a tutela del torrente Lama... tutto in itinere??? Potremmo, nel frattempo, iniziare con cose semplici, tipo una domenica di sport al mese, sempre diversa... organizzata, insieme con le tante realtà locali, in modo da veicolare l'attitudine al sano benessere psicofisico.
Cultura e movimenti associativi - ...l'ampliamento del WI-FI gratuito? Parecchio peggio di prima!!! La creazione di una consulta unica per l’associazionismo ed il volontariato è, invece, avvenuta! Ma speriamo valutino nel miglior modo possibile le varie richieste che perverranno, evitando lo sbaglio (secondo noi commesso!) dell'elargizione di nostri €1500 per una mostra e (soli!) €500 per la Corale Polifonica. Meglio sarebbe, comunque, investire nella realizzazione ed il potenziamento della biblioteca comunale, con l'istituzione della "biblioteca digitale", che è ancora, purtroppo, in alto mare! Potremmo sforzarci di rimetterla un po' a posto, coinvolgendo anche associazioni locali (Comitato Genitori Bellizzi) che stanno già facendo molto nel ramo! Ci risulta che non esista un elenco libri!? O quanti preventivate di comprarne ogni anno!? E scelti da chi? Leggere un libro, vedere un film, un documentario: un lusso per la crescita di tutti? Finanziamento a carico dell’ente di progetti extracurriculari per la scuola dell’obbligo? La scuola? Facciamo ancora collette per risme A4 e soldi, chi può, per il teatro!? Il costo della mensa? Tutto è meno importante della scuola, tutto! Prima la cultura, i bambini, il loro futuro, la loro socializzazione, il nostro domani... poi le luminarie, gli alberelli, i contributi e qualunque altra spesa extra!!!
Riorganizzazione dei servizi - ...l'attivazione del numero verde per qualsiasi evenienza? Il potenziamento delle unità in forza al Comando di Polizia Municipale?? Certo che servirebbero! Continue le lamentele per mancanza di sicurezza nelle zone più distanti dal centro cittadino, prive di alcuna sorveglianza. E si guardi, pure, all'orario di ingresso ed uscita dalle scuole presso il plesso di Torre Lama; utilizziamo gli stessi genitori, disponibili a turni (premiamoli con risparmi sul ticket mensa!) per sorvegliare pericolosi crocevia di auto tra i bambini!!! L'incentivazione delle attività del Nucleo comunale di Protezione Civile? Mica come l'incentivazione alla Pro-loco, pro-Strabilandia?!?
Ecologia - ...porta a porta (controlli? multe?) ed EcoCard???
Viabilità - ...strade, ponti e rotatorie. Quanto di promesso è nel nuovo piano triennale delle opere pubbliche? E quanto, invece, non era previsto ma c'è??
Grandi opere - ...nuovo cimitero comunale (in 24 mesi!), asili nido di grandi dimensioni con servizio 7gg su 7gg, 40 alloggi di edilizia popolare (e speriamo bene!), restituzione titolarità ai legittimi proprietari dei 110 alloggi IACP-Futura ( in 18 mesi!), casa degli animali, risanamento/allacciamento fognario di tutto il territorio al depuratore consortile...
Beh, auguroni... tifiamo per Voi!!!

Istituite il Consiglio Comunale a tema, di domenica (più comodo per la maggioranza dei volenterosi ed interessati bellizzesi), magari bimestrale: “Programma amministrativo - dove, come e quando. Presente, passato e futuro della nostra comunità.”.

Infine, sollecitiamo nuovamente, circa l'inadeguatezza della gestione del nostro Centro Sociale “Ietto”, poco conforme al “Regolamento” adottato (?), che andrebbe verificato e/o sostituito con altro di più realistico indirizzo. Sulla questione, poi, della propaganda elettorale: ricorderete la nostra denuncia alle autorità competenti che riguardò le affissioni selvagge e l'utilizzo improprio di sedi e comitati. Ancora in merito alla destinazone dell'8 per mille pro edilizia scolastica, richiestaVi ab illo tempore ma irrintracciabile nei vostri atti. Ed infine, l'ultimissima protocollataVi, riguardo l'obbligo della presenza nella ristorazione scolastica, per effetto di una legge del M5S in Parlamento, di una quota di prodotti biologici.

Confidiamo in una Vostra celere risposta, negli atti e coi fatti;
teniamo molto alla nostra (di comunità) crescita collettiva.

*****
(dall'originale post del blog m5sbellizzi.blogspot.com)